Oggetto: Campionati Regionali Tiro di Campagna 12+12   Adrano (Ct) 09 Maggio 2021.

I Campionati Regionali Tiro di Campagna di Classe e Assoluti, Individuali si svolgeranno ad Adrano (CT) il 09 Maggio  2021.Il Consiglio Regionale ha deliberato di far svolgere il Campionato Regionale 2021 con la formula adottata per i Campionati Italiani 2019. La valutazione è scaturita dalla necessità di adeguare le formule di gara e i criteri di qualificazione ai Campionati Regionali rispetto ai problemi causati dall’emergenza pandemica all’attività. Pertanto, in deroga a quanto riportato nelle Circolari Federali n.28/2019 e n.61/2019, la normativa di riferimento, limitatamente alle fasi Eliminatorie, Semifinali e Finali, sarà quella in vigore fino al 2019.

Al Campionato Regionale H+F 12+12  parteciperanno gli Atleti, nel numero massimo indicato nella tabella sotto riportata, delle divisioni Arco Olimpico, Compound e Arco Nudo delle classi Seniores, Juniores, Allievi, Ragazzi e Master e della divisione Longbow in classe unica in base alle graduatorie dei migliori punteggi conseguiti nel periodo 13 Aprile 2019 / 02 Maggio 2021 risultanti dalla classifica federale stilata secondo i seguenti criteri: Tutte le divisioni – tutte le classi 1 gara 24+24  oppure 2 gare 12+12.

POSTI DISPONIBILI: 96

Divisione Olimpico (individuale) N°46 Atleti

Olimpico Maschile 28 Posti per tutte le classi esclusi i giovanissimi.

Olimpico Femminile 14Posti per tutte le classi escluse le giovanissime.

Divione Compound (Individuale) N°21 Atleti

Compound Maschile 15 Posti per tutte le classi esclusi i giovanissimi.

Compound Femminile 5 Posti per tutte le classi escluse le giovanissime

Divisione  Arco Nudo (Individuale)  N°17 Atleti

Arco Nudo Maschile 13 Posti per tutte le classi esclusi i giovanissimi.

Arco Nudo Femminile 4 Posti per tutte le classi escluse le giovanissime.

Divisione Long Bow (individuale) N° 7 Posti.

Long Bow Maschile 5 Posti Classe unica

Long Bow Femminile 3 Posti Classe unica.

 

Le Ranking List sono redatte in base  alla classe di appartenenza e non alla classe gara.  In casi particolari e dietro specifica richiesta scritta da inviare al C.R. in data precedente l’ultimo giorno di qualificazione al Campionato (01 Maggio 2021) gli atleti possono richiedere di essere compresi nella Ranking List della classe superiore rispetto a quella di appartenenza solo se nelle date di qualifica abbiano partecipato a due gare nella classe superiore.

 

SVOLGIMENTO CAMPIONATI DI Classe.

(12 Piazzole Hunter + 12 Piazzole Field.)

 Individuali – potranno partecipare per concorrere al Titolo Regionale Individuale di Classe solo gli atleti che, nel periodo stabilito, abbiano partecipato a due gare  e siano rientrati nell’elenco (Ranking List) ufficialmente pubblicato nel sito Fitarco . Nell’ambito della stessa divisione è possibile concorrere ad un solo Titolo Regionale di Classe Individuale.

Il Titolo Regionale di classe sarà assegnato solamente in presenza di almeno tre Atleti della stessa classe e divisione.

• Squadre - Per l'ammissione delle squadre al Campionato Regionale, saranno prese in considerazione le squadre, i cui punteggi siano stati conseguiti nella stessa gara da tre arcieri partecipanti nelle divisioni Olimpico, Compound e Arco Nudo, escluso il Long Bow e le categorie Allievi, Ragazzi e giovanissimi.

Le Società qualificate al Campionato di Classe dovranno utilizzare, per la formazione delle squadre, gli Atleti già qualificati individualmente e solo a completamento delle stesse o Atleti non qualificati che comunque non entreranno nella classifica individuale. Il Titolo Regionale a Squadre di Classe sarà assegnato solo in presenza di almeno due squadre in base alla somma dei migliori tre punteggi realizzati da atleti appartenenti alla stessa Società che abbiano partecipato al Campionato nella medesima Classe nelle  divisioni indicate sopra. Nel caso in cui un atleta qualificato individualmente scelga di essere un componente della squadra della classe superiore a quella propria di appartenenza, dovrà rinunciare alla partecipazione nella classe nella quale si è qualificato individualmente. Lo stesso arciere nell’ambito della stessa divisione, può concorrere ad un solo Titolo di Classe e a Squadre. Le Società possono essere rappresentate da una sola squadra.

CAMPIONATI ASSOLUTI INDIVIDUALI.

Individuali - Sarà redatta una classifica in base ai migliori 4 punteggi assoluti tra quelli conseguiti dalle classi Seniores, Juniores, Allievi, e Master della stessa divisione esclusa la divisione Long Bow. I migliori quattro (4) arcieri così classificati indipendentemente dalla classe nella quale abbiano gareggiato, accederanno alle semifinali). Per i dettagli sullo svolgimento, si veda il Regolamento Tecnico Federale. Un tiratore non qualificato individualmente ma inserito ai fini della composizione di una squadra di classe qualificata, non può partecipare individualmente al Campionato Assoluto anche se il punteggio che ha conseguito rientra nei migliori 4 assoluti.

Si evidenzia che, a parziale modifica della Circolare Federale n.34/2014, i Titoli Regionali della divisione Longbow verranno assegnati successivamente allo svolgimento di scontri diretti (Semifinali e Finali) ai quali parteciperanno i primi 4 atleti maschili e 4 atlete femminili  che avranno conseguito i migliori punteggi nella gara 12+12.

CAMPIONATI ASSOLUTI A SQUADRE.

Il Consiglio Federale ha stabilito che gli scontri diretti a squadre non avranno luogo. I titoli a squadre saranno comunque assegnati, purché la Società risulti precedentemente ammessa, sulla base della classifica assoluta a squadre risultante dalla somma dei migliori punteggi conseguiti da tre Atleti, uno ogni divisione (esclusa la divisione Longbow ), appartenenti alla stessa Società, indipendentemente dalla classe di appartenenza ad esclusione della classe Allievi/e, Ragazzi/e delle divisioni Olimpica, Compound e Arco Nudo.

GIUDICI DI GARA.

Tutti e due giornate di gara saranno regolamentata da 3 giudici di gara. Uno a carico della società organizzatrice e due a carico del Comitato Regionale

DIRETTORI DEI TIRI.

Il direttore dei tiri non dovrà essere appartenente alla società organizzatrice.

COMMISSIONE DI GARANZIA.

La commissione di garanzia deve essere composta da tre membri + un eventuale supplente che dovranno presenziare per tutta la durata del Campionato. Non potranno far parte della Giuria d’Appello (Commissione di Garanzia) i membri del Comitato Organizzatore o persone che partecipano al Campionato

ISCRIZIONI.

Le società dovranno inviare le iscrizioni dei loro atleti presenti nella Ranking list regionale entro il 05 Maggio 2021.

Le iscrizioni andranno inviate alla seguente mail : tec.fitarcosicilia@libero.it

Le disdette vanno dichiarata entro il 06 Maggio 2021 in caso contrario dovrà essere corrisposta la tassa d’iscrizione alla società organizzatrice.

QUOTA D’ISCRIZIONE:

Classe Senior e Master € 16,00 - Classi Giovanili € 8,00

Nessuno, oltre gli arcieri, potrà accedere al campo gara.

PREMIAZIONE.

I titoli regionali saranno assegnati ai primi classificati delle categorie con almeno tre iscritti, mentre i titoli a squadre ai primi classificati  con minimo 2 squadre partecipanti. La premiazione dei titoli di classe e assoluti, sia individuali che di squadra, saranno a carico del C.R.

Il restante della premiazione (2° e  3° class.) sarà a carico della società organizzatrice.

La premiazione verrà effettuata rispettando il protocollo Anti Covid indicato dalla Federazione Nazionale.

Sono vietati Buffet e rinfreschi di ogni genere.

Protocollo Anti Covid.

E’ requisito indispensabile Obbligatorio, che atleti, giudici di gara e staff presentino all’ingresso l’autocertificazione, in caso contrario verrà loro negato l’accesso al campo.

La società organizzatrice dovrà rilevare a tutti gli atleti, giudici di gara e componenti dello staff la temperatura corporea e registrarla insieme a nome cognome e recapito telefonico su di un foglio registro.

 

Tutti gli arcieri dovranno indossare la mascherina ed essere in possesso di liquido sanificante per disinfettersi le mani prima di estrarre le frecce dal bersaglio.

 

il presente regolamento potrebbe essere soggetto a modifica.

ultima modifica: 11/04/2021 


Lettera aperta del Consigliere Regionale Gianluca Stefanelli 

 

Ai Signori Presidenti di tutte le ASD Siciliane Fitarco;

A tutti gli arcieri e gli appassionati del tiro con l’arco siciliani;

Amici carissimi,

Ho avuto l’onore di vivere l’esperienza di far parte del Comitato Regionale Siciliano per un anno e mezzo e, dopo le elezioni degli scorsi giorni sono lieto di poter continuare a prestare il mio aiuto al Servizio di questo Comitato Regionale cercando di fare del mio meglio per la promozione del nostro amato sport in tutta la Sicilia. Vi ringrazio per questa opportunità che mi avete dato: l’opportunità di imparare a collaborare nella direzione e conduzione di un organo, il Comitato Regionale, che è di supporto e sostegno per il mondo arcieristico Siciliano, faro per tutte le ASD.

Ho imparato che la Sicilia, nella sua vastità, ha tanti modi di vivere il tiro con l’arco, che le problematiche sono diverse e coesiste un enorme eterogeneità di pensieri, di usi, di difficoltà e di bisogni.

Ho imparato che i caratteri dei componenti il consiglio non sono facili, non sono simili, non sono «leggeri» - il mio per primo – e che comunque devono riuscire a collaborare e ci riescono nel momento in cui tutti iniziano a capire che il loro ruolo supera la persona e che il bene comune della Sicilia supera il bene della singola ASD.

Ho imparato che il Ruolo di Consigliere Regionale non è un titolo ma un impegno gravoso e che il tanto lavoro svolto spesso non viene neanche visto all’esterno perché è il servizio gratuito alla costruzione e allo sviluppo della Federazione.

Ho imparato che le proposte, se condivise e motivate, portano al cambiamento e vengono accettate e diventano patrimonio comune.

Ho imparato che la Sicilia va difesa più della singola ASD e che tanto dobbiamo fare per poterci sentire tutti un po’ più Siciliani e un po’ più orgogliosi dei talenti dei nostri arcieri, dei nostri tecnici, dei nostri arbitri e dei nostri dirigenti.

Ho imparato ad ascoltare, a proporre idee, a confrontarmi con i più “anziani” e con i più “esperti” senza mai rinunciare alle mie idee innovative e alle proposte che “vanno fuori dagli schemi” ed ho capito che il cambiamento è in atto, è concreto, è possibile ed è epocale.

Ho imparato da Renato, da Willy, da Mario, da Sebastiano e da Nunzio, mie compagni di viaggio, ma anche da Alfredo, da Simona, da Antonio, da Fabio, da Adriano, da Manuela, da Carmelo e da tutti quelli che ho incontrato nel cammino che non tutto quello che appare è come sembra, che le dinamiche e le tempistiche Regionali, della Federazione e del Comitato sono importanti e vanno rispettate e che il dialogo e la lealtà sportiva contano più di ogni altra cosa, nel bene e nel male.

Sono convinto che questa esperienza vissuta e rinnovata per il prossimo quadriennio potrà portare tanti buoni frutti per tutto la Federazione Siciliana.

Il 2020 è stato un anno particolare e particolarmente duro. Il Covid ci tiene distanti e ci limita. Ma in queste limitazioni abbiamo saputo e siamo riusciti a rimanere più uniti: abbiamo fatto riunione di Comitato più volte al mese abbiamo utilizzato gli strumenti che la tecnologia ci ha messo a disposizione per accorciare tali distanze.

Abbiamo la possibilità di riunirci di più, di parlare di più, di conoscerci e scambiare le nostre idee di più che in passato. Abbiamo imparato ad utilizzare le Videoconferenze e abbiamo gli strumenti per dare informazioni in tempo reale.

La Sicilia è una ed il mio motto è «Poco se giudico molto se mi confronto».

Grazie e buona strada a tutti i compagni di viaggio: Arcieri,GdG, Delegati, Presidenti e Comitato.

 

Gianluca Stefanelli


Lettera aperta del Consigliere Regionale Mario  Brunamonti

 

Ai Sigg. PRESIDENTI DELLE SOCIETA’ FITARCO SICILIA

 

                Amici carissimi,

il 16 marzo u.s. una qualificata maggioranza di Voi ha voluto onorarmi della propria fiducia, rieleggendomi unitamente ad altri Amici altrettanto cari quale componente del Comitato Regionale FITARCO Sicilia che svolgerà le sue funzioni nel triennio 2021/2024, e Vi ringrazio sentitamente.

                Non si tratta per me, come molti sanno, della “prima volta”, anzi ad essere precisi quello che ho appena cominciato è il mio settimo mandato: sono stato infatti eletto Consigliere ininterrottamente dal 1996, tranne il quadriennio 2013/2018 allorquando ho preferito optare per la funzione di giudice di gara dei quali vi era al momento una ridotta disponibilità; fu spirito di servizio allora ed è stato per spirito di servizio che ho assicurato ancora una volta la mia disponibilità per la composizione del nuovo Consiglio.

Ho quindi avuto modo di collaborare con tre diversi Presidenti di Comitato, ai quali ho sempre cercato di assicurare, nei limiti delle mie possibilità, la più leale e fattiva collaborazione. Ho anche avuto modo di lavorare con  molti di Voi, serbando bei ricordi di molti momenti di collaborazione.

                Il cammino è stato lungo e a volte travagliato, abbiamo vissuto giornate radiose e momenti tristissimi ed il mio pensiero in particolare va, come penso il Vostro, a taluni Amici dei quali il destino ha voluto privarci ma dei quali conserviamo il vivido ricordo della comune passione.

                Questo cammino ha portato il movimento arcieristico siciliano a migliorare sensibilmente il proprio livello sportivo ed organizzativo, facendolo evolvere da quella impostazione alquanto pressappochista che aveva caratterizzato l’attività di molti (non tutti, certamente) dei pionieri del nostro sport in Sicilia, ai quali non va comunque negato il grande merito da avere diffuso sul territorio regionale la disciplina che tanto amiamo.

                Probabilmente al raggiungimento di tale innegabile, positivo stato di cose ha contribuito anche il mio piccolo apporto; è invece certo che se in qualche ambito i risultati ottenuti non sono da qualcuno ritenuti ottimali ciò sia considerato anche dovuto alla mia quota di responsabilità; in effetti, ciò che non è mai mancato è stato l’impegno costante ed il perseguimento del collettivo interesse, atteggiamento che ha permesso di raggiungere  tutti gli obiettivi alla reale e concreta portata del Comitato, soprattutto tenendo serenamente conto delle circostanze e degli eventi.

                L’armonia interna che caratterizza ormai da moltissimo tempo il lavoro del Comitato Regionale FITARCO Sicilia è dipesa e, ne sono certo, dipenderà proprio dal comune sentire dei suoi Componenti, Presidente pro tempore in primis, sui temi dell’impegno costante e del perseguimento solo e soltanto del comune interesse.

 

                Vi auguro ogni successo, perché noi siamo realmente convinti che la vittoria di uno sia una vittoria per tutto il movimento.

F.to Mario Brunamonti 


Lettera aperta del Presidente Regionale Fitarcosicilia - Renato Ippolito

 

 20/03/2021

So che Guglielmo ha voluto partecipare alcune riflessioni su quello che è stato ed è un lavoro durissimo, spesso condotto con la necessità di fornire risposte immediate ai problemi che abbiamo dovuto affrontare e continuiamo a farlo. E’ saltata continuamente la speranza di potere tornare alla normalità del quotidiano mentre, chi più chi meno, è stato già colpito dagli effetti della pandemia.

Sembra poca cosa tornare alla normalità, ma quanto ci manca: una stette di mano, anche un abbraccio, una pizza insieme, una semplice passeggiata.

Abitudini nuove per mantenere i contatti sono diventate la risposta nel nostro quotidiano. Il telefono sempre in uso, le video conferenze, per solo esempio le videochiamate con i miei nipoti.

In futuro non dimenticheremo questi strumenti che abbiamo imparato a usare, ma diciamo la verità ne siamo anche un poco stufi. Noi Siciliani, in particolare, amiamo guardarci negli occhi, avere contatti fisici, gesticolare per dare spessore ai pensieri. Ma è capitato di rado, mi auguro che in futuro si possa tornare a ridere di presenza non nasconderci dietro una mascherina.

Cercherò di non ripetere le considerazioni del nostro Vice Presidente, che mi permetto di ricordare si è ammazzato di lavoro durante il Commissariamento. Ogni giorno faccio il confronto: se tutto il Consiglio, vi garantisco ha lavorato alacremente, ed io rimango insoddisfatto perché non mi pascio dei risultati ma osservo tutto quello che avremmo voluto e non è stato possibile realizzare, certamente non per colpa nostra ma misera consolazione.

Si sono finalmente celebrate le Elezioni Regionali, ringrazio tutti coloro che sono riusciti a essere presenti e comprendo chi non lo è potuto essere. Un ringraziamento speciale va a Padre Alfio che ha fatto qualcosa di incommensurabile in cambio, questo è stato il prezzo, di una Preghiera.

Ringrazio l’amico Sebastiano Balsamo, Consigliere uscente, è stato sempre presente nelle decisioni alla fine condivise, magari all’inizio delle lunghe chiacchierate non sempre coincidenti. Lui, come tutti ha offerto un contributo prezioso.

Altro sentito ringraziamento va a Loredana Papia che ha messo a nostra disposizione la Sua esperienza nel lavoro di Segreteria del C.O.N.I. Regionale. Che dire poi della capacità di Sandro Morgana di essere il Migliore dei Presidenti possibili. Un Gran Signore che ha condotto i lavori assembleari con eleganza e puntigliosità, ne sono rimasto sinceramente ammirato.

Il benvenuto a Adriano Scribani, il ruolo è più complicato di quanto non si voglia riconoscere. Conto su un giovane che si è impegnato a crescere al quale è richiesta la tutela della categoria che lo ha eletto.

I prossimi anni desidero che producano una crescita del movimento, quando sarà possibile rientrare nelle scuole in sinergia con gli Enti di Promozione Sportiva, con i quali sarebbe utile stringere collaborazioni finalizzate a definire una strategia comune, dovremo essere pronti a farlo. I giovani sono l’unico percorso attraverso il quale lo sport mantenga il ruolo che compete: semplice passatempo, maestro di disciplina che intercetta talenti i quali vogliano cimentarsi nell’agonismo per provare a diventare campioni.

Per questo imprescindibile motivo è necessario dotarsi di altri Tecnici abilitati e offrire a loro e a chi lo è già la possibilità di crescere di livello. Non è mio compito, altri ben più competenti di quanto io sia, all’interno della Commissione Tecnica e Commissione Quadri rifletteranno sulla possibilità di creare figure nuove capaci di offrire ai neofitiquel primo step per l’avviamento alla pratica sportiva, senza la necessità di calcolare punteggi a fine anno per la conferma nell’Albo. Questo è una mia idea, me ne assumo la responsabilità, la FITARCO è una federazione Agonistica e i nostri Tecnici di questo devono occuparsi, ma abbiamo bisogno di un aiuto perché sempre più amatoriali siano intercettati, quindi, c’è bisogno che qualcuno sia in condizione di farlo. Semplifico: tutti hanno giocato a pallone, molto meno quelli che hanno giocato a Calcio, penso che non sia necessario essere Sarri, Ancellotti o Mancini per insegnare a non rompere i vetri delle finestre.

Vorrei che si possa, ancora chiedere l’organizzazione di Eventi Nazionali, quindi tanto il lavoro che Vi chiedo per avere Rappresentative Regionali di spessore e Impianti adeguati.

Mi piace pensare che i Delegati Provinciali si sentano responsabili della necessaria attività sul territorio. A coordinare il Loro lavoro ho chiesto al Consigliere Brunamonti di assumerne il compito. Io per compito istituzionale ne presiederò la Consulta che cercheremo di convocare spesso insieme ai Consiglieri che potranno parteciparvi. Se almeno ogni due giorni ho parlato con almeno un Consigliere di questioni e problemi, fatto che è una abitudine ormai consolidata, non riesco a capire come non abbia ricevuto richieste di chiarimenti, sostegno e altro da parte degli attuali Delegati Provinciali, ormai decaduti se non in pochissime occasioni. Delle due l’una: o sono talmente bravi da non averne necessità, oppure sono impegnati in altre incombenze gravose che impediscono lo svolgimento del ruolo.

Di certo questo Comitato, che ho l’onore di presiedere, non vuole spillette o cariche ritenute onorifiche accanto a sé, non ha necessità. Piuttosto vuole figure disposte a lavorare insieme.

Tanto potrei ancora scrivere, ma preferisco dare informazione su ciò avremo concluso piuttosto che soltanto comunicare quello che il Comitato intenderebbe fare. Una sola promessa, non ci risparmieremo.

Concludo, ringraziando l’intervento che Franco Mento ha fatto durante l’Assemblea Elettiva, del quale ho chiesto la pubblicazione integrale sul Sito Regionale. Di tantissime cose in esso contenute non posso che essere totalmente in accordo, magari non su tuttissime, ma il fatto importante è che Franco è uno dei nostri, caspita se lo è. Le sue riflessioni rimangono spunto, stimolo e pietra di paragone per me, certamente per il Consiglio Regionale e l’Arcieria Siciliana.

 

Grazie a tutti

Il Presidente Regionale Fitarco Sicilia

F.to Renato Ippolito 


Lettera aperta del Vicepresidente FitarcoSicilia Guglielmo Fuchsova.

Palermo 20/03/2021 

 

Carissimi, vi scrivo questa mia lettera per esternare tutto ciò che avrei voluto dire durante l'assemblea elettiva regionale, ma purtroppo a causa del poco tempo a disposizione e anche per dimenticanza non sono riuscito a dire.

Il nostro Presidente, Dott. Renato Ippolito, durante l'esposizione della sua relazione si è quasi scusato a nome di tutto il Consiglio uscente per non essere riuscito, causa covid, a portare a termine una programmazione promessa all'ultima assemblea elettiva regionale, io mi sono permesso di contraddirlo evidenziando alcune cose fatte e che adesso, con serenità, voglio siano messe a fuoco:

       Abbiamo in brevissimo tempo dato il via al Corso Giudici di Gara, nella speranza che una loro migliore dislocazione sul territorio avrebbe consentito un qualche risparmio per le A.S.D. organizzatrici e per chi ne ha completato la partecipazione, siamo riusciti a fornire un contributo del Comitato.

*         Con il sopravvento del lock down, per dare assistenza tecnica e gestionale alle società, ci siamo avventurati organizzando quattro Webinar regionali di cui uno richiesto in seguito da altre tre federazioni olimpiche.

*         Abbiamo ristrutturato e reso fruibile il sito Web Fitarco Sicilia e creato una pagina facebook per raggiungere ed informare in maniera trasparente tutti i tesserati della nostra regione. Vi posso anticipare che il Presidente ha chiesto il miglioramento delle funzionalità del nostro sito e il Consiglio Entrante ne ha immediatamente condiviso l’esigenza.

*         Abbiamo messo insieme il calendario Gare regionale 2021 dopo averne, quasi appena insediati e con grande urgenza, redatto quello del 2020 in buona parte, purtroppo, non eseguito a causa covid.

*         Siamo riusciti durante il periodo più stringente del lock down, dopo avere presentato le pratiche per i contributi della Regione Sicilia e averli ottenuti, a rapportarci con grande difficoltà con la Regione Siciliana e recuperare una integrazione del contributo del 2019 girati immediatamente nelle casse delle A.S.D. aventi diritto.

*         Abbiamo istruito 31 pratiche, Olimpiche e Paralimpiche, della Legge Regionale N°8 e monitorato passo passo l’iter mediante continui contatti del Presidente con il Funzionario addetto, che a giorni dovrebbero essere liquidate, dopo la riapertura della Ragioneria Regionale, che appena saranno versate sul conto del Comitato verranno girate immediatamente a tutte le società che ne hanno fatto richiesta. Istruire 31 pratiche significa ricercare per ogni gara i piazzamenti internazionali, nazionali e interregionali di tutti i vostri atleti e squadre.

*         Visto che sempre a causa del Covid sono saltate Coppa delle Regioni e Trofeo Pinocchio abbiamo pensato di utilizzare i fondi destinati ad essi per acquistare materiale sportivo a tutte le società della regione sia per l'attività olimpica che paralimpica.

*         Abbiamo dato un contributo in denaro alle società che hanno organizzato le gare sperimentali per la ripresa dell'attività agonistica per mantenere basso il costo dell'iscrizione alla gara.

*         Sapete inoltre che il contributo per la definizione del Protocollo di Sicurezza, approvato dal C.O.N.I. e da Sport e Salute, fornito dal Comitato Regionale è stato molto apprezzato dalle altre Regioni. Così come è stato fatto proprio dalla FITARCO Italia il documento con il quale il ns, Presidente, prima ancora di chiunque altro, ha significato come ogni Atleta Arciere sia potenzialmente d’interesse Nazionale, perché concorre durante la stagione interregionale per ottenere la qualifica ai Campionati Nazionali e potere essere inserito nei Gruppi Nazionali.

*         Abbiamo sostenuto, facendoci carico di parte delle spese arbitrali e delle premiazioni, le società che hanno organizzato i Campionati Regionali e ringraziamo le società Arcieri Catania e PAMA per la perfetta organizzazione.

*         Per fare sentire la nostra presenza abbiamo istituito un'assistenza tecnica territoriale, momento di incontro con i tecnici e con gli atleti per colmare quel vuoto che il covid a creato nei confronti della formazione, questa esperienza ci ha dato modo di entrare nelle palestre delle società e renderci conto di come sono strutturate e di quanto entusiasmo ci mettono.

*         Siamo stati una delle poche regioni che, assumendoci la responsabilità, abbiamo continuato rispettando il protocollo anticovid a svolgere attività agonistica.

*         Abbiamo ricevuto dal CIP e dalla FITARCO dei contributi di una certa sostanza per i tecnici per gli atleti e per rendere sicure le nostre palestre e rendere agibili i nostri campi e le nostre palestre, cosa che altre federazioni non hanno fatto.

*         Abbiamo deliberato per tutti coloro che hanno partecipato all'assemblea elettiva nazionale, un contributo per il viaggio e ottenuto che l’originale sostegno della FITARCO Italia destinato all’organizzazione di viaggi in pullmann si tramutasse in qualcosa di più pratico e utile anche per gli altri Comitati Regionali.

*         abbiamo dato, attraverso le società di appartenenza, un contributo per la tassa gara a tutti quegli atleti che hanno partecipato ai Campionati Indoor di Reggio e di Rimini.

*         Io e tutta la Dyamond abbiamo rinunciato, quindi donato e distribuito 2.500,00 euro alle 5 società che nel 2019 hanno svolto attività paralimpica per rendere agibili i loro impianti e promuovere l'attività paralimpica ricevendo solo un grazie e neanche da tutti, cosa che nonostante ciò replicheremo anche quest'anno.

*         Abbiamo fatto realizzare, per la prima volta, i pacht di campione regionale e dei pin per tutti gli atleti che hanno partecipato ai campionati regionali, abbiamo fatto le nuove divise per le nostre squadre regionali che abbiamo presentato all'assemblea elettiva.

*         Per ultima, l'organizzazione dell'Assemblea Elettiva Regionale che vi posso garantire non è stata cosa facile visto che si doveva celebrare entro le scadenze indicate dallo Statuto Federale e nel mezzo c'erano due campionati italiani, che hanno subito cambiamenti di date costringendosi a cambiare anche noi quelle originariamente programmate per l’Assemblea. Pertanto colgo l'occasione di ringraziare a nome di tutto il consiglio la Commissione Verifica poteri nelle persone di Angelo, Francesca ed Hellas che hanno dedicato 2 giorni della loro vita per far sì che tutto si svolgesse in piena regola. Eppure nonostante ciò qualcuno ha avuto il coraggio di parlare male di chi in silenzio lavora per tutto il nostro movimento, potrebbe almeno essere più furbo e stare zitto continuando a fare quel che ha sempre fatto, gli affari suoi.

E tutto ciò con costi di affitto, utenze e segreteria pari quasi a Zero.

Non perdo occasione per rimproverare amichevolmente il nostro Presidente perché non parla mai delle cose che Lui e gli altri Consiglieri progettano e poi improvvisamente concretizzano come per magia. La verità è che ogni giorno il Consiglio dedica tutto il tempo personalmente disponibile per offrirci quanto di meglio possibile e qualche volta anche di più.

Ciò che questa pandemia ci ha permesso di fare FORSE è veramente poco ma è unico nella storia della FITARCO Sicilia e vi posso garantire che nessun Comitato Regionale Fitarco lo ha fatto.

Ringrazio il Presidente e tutto il Consiglio per la passione che hanno messo nel portare avanti l'impegno preso e spero, per tutti noi, che questo POCO si possa rifare negli anni a venire

 

Buon lavoro, Willy Fuchsova.


L'Assemblea Elettiva è stata anche l'occasione per il Presidente Ippolito ed il Consiglieri Regionali di presentare ai Presidenti ed ai  Rappresentanti delle Società la nuova maglia degli atleti della "Rappresentativa Regionale Siciliana".



Medagliere Campionato Regionale indoor 2021

        17                 ASD ARCIERI ELIMI                                    0                            0                    0                       0                     0

_______________________________________________________________________________________________________________


Il capitolo delle Elezioni Nazionali del Direttivo Federale si è chiuso.  Quello che mi interessa è che ora si riprenda a lavorare, ognuno con le proprie capacità e possibilità, personalmente io non ho, nel frattempo, atteso i risultati per continuare a farlo e sono certo del sostegno alla nostra Regione da parte dell’organo di Governo Federale Nazionale in carica.

Mi soffermo brevissimamente sul tema della candidatura di Simona Mento invitando a trarne riflessioni: anche se l’intero movimento Siciliano l’avesse votata sarebbero comunque mancate preferenze bastevoli a garantirne l’elezione, vanno quindi rintracciate altrove le motivazioni e le responsabilità di quanto è successo. A Simona deve comunque andare il nostro rispetto perché ha avuto la dignità di mettersi in gioco. Purtroppo non frequento i cosiddetti social, ma in ogni caso mi raggiungono notizie che appartengono più a commenti da bar dopo una partita di calcio con un rigore presuntamente non concesso.  Gradirei molto non si scivolasse sul terreno delle incaute affermazioni. Qualsiasi risultato elettorale è il frutto di valutazioni personali che producono scelte conseguenti. Il principio secondo il quale chi non la pensi nello stesso nostro modo sia offendibile (qualunque sia lo stile) non è da me accettabile come persona.

Rimane la considerazione che l’evento in sé come risultato porta una ulteriore difficoltà per qualsiasi partecipazione al Direttivo Nazionale probabilmente nei prossimi otto anni. A noi tutti adesso non rimane che continuare a fornire il massimo contributo possibile alla crescita del movimento arcieristico nella nostra regione. Piuttosto dovremmo riflettere sul perché l’intero meridione non riesca a produrre rappresentatività e io penso molto dipenda dall’articolato delle macrozone più che dalla assenza di personalità adeguate a far parte del Direttivo Nazionale. Se volessimo sposare una ipotesi per il futuro dovremo lavorare in questa direzione anche se molti di noi non ne vedranno la realizzazione ed io sono tra questi.

Adesso l’imperativo categorico è quello di finirla con le beghe di condominio perché è troppo importante il futuro dell’arceria siciliana per mantenerla ostaggio di qualunque questione sia sorta nel passato anche recente, non me ne può importare meno, io voglio solo vedere i nostri atleti salire sui podi nazionali che abitino a Valguarnera, Butera o Burgio va bene uguale. L’unico motivo di orgoglio vero per la Sicilia attiene al riconoscimento dato a Giovanni Vaccaro, Veronica Floreno, Maria Andrea Virgilio, Fabio e Guglielmo Fuchsova come Atleti e Tecnici del biennio e alla A.S.D. che li annovera. Questo è frutto di passione e lavoro, che tutti possono e dovrebbero mettere in campo. Ho avuto la fortuna di vedere podi nazionali e internazionali con la presenza di atleti siciliani sin da quando ho incominciato a essere parte della FITARCO e ricordo con dispiacere quelli mancati per poco. Lasciate che la vostra ambizione mi permetta ancora di assistervi e di condividerla.

 

Il Presidente

Renato Ippolito 


Pa 21/12/2020

 

La fine di quest’anno tremendo sembra che non porterà via tutti i problemi dei quali stiamo pagando un prezzo incommensurabile. Confidiamo che i nuovi farmaci offrano più che la speranza di lasciarci alle spalle l’ansia per il futuro, ma dobbiamo essere consapevoli che la strada è ancora lunga e piena di ostacoli.

Immaginavo che potessero emergere mutazioni del Covid19 e puntualmente quello che temevo sta succedendo. Pertanto, non si deve abbassare per nulla l’attenzione.

Cautela suggerisce di ridurre al minimo i contatti, ma le conseguenze rimangono legate alla disperazione di chi non fa parte delle categorie che, senza nessuna polemica, sono privilegiate dall’ essere garantite da uno stipendio certo.

Chiunque abbia responsabilità di governo non possiede la sicurezza che le decisioni siano esenti da possibili critiche. A cascata, nel mio piccolo confesso che non ne ho io che, sul territorio nel rispetto delle norme e dei regolamenti, sono chiamato a garantire la difesa dei diritti all’allenamento e alle competizioni mantenendo la tutela dei tesserati.

Sono convinto che la FITARCO abbia realizzato percorsi per garantire entrambe le esigenze: il nostro protocollo è uno dei più aderenti alle stringenti necessità. Siamo stati guidati da chi con umiltà, ma determinazione è riuscito a coniugare nel miglior modo possibile il confronto con le Istituzioni: Ministero, C.O.N.I., C.I.P., Sport e Salute etc.  La garanzia che vi offro è quella che tutti, nel ruolo, hanno lavorato e continueranno a farlo con dedizione, senza usare della comunicazione per mere questioni di autoreferenziale pubblicità.

Le prossime elezioni federali dovranno concludere un capitolo di polemiche che dovremo lasciarci alle spalle per lasciare agli impegni del prossimo anno la possibilità di fare quello che non è stato possibile in questo.

Trascorreremo queste festività nel migliore modo possibile, comunque insieme pur senza incontrarci, perché c’è tanto che ci rende uniti: noi siamo ARCIERI.

Un sentito abbraccio che raccoglie tutti i sentimenti cresciuti in questo anno impossibile da dimenticare, dal Vs, umile servitore insieme al Consiglio Regionale tutto.

                                   Renato Ippolito, Presidente della meravigliosa FITARCO Sicilia,

                                               Tantissimi auguri

 

                                                               


04/12/2020

 

 

 

 

 

 

 Oggetto: Impianto Sportivo Ten. Onorato

 

Abbiamo lavorato in silenzio e senza squilli di trombe, nello stile del Comitato Regionale, senza alimentare chiacchiere e millantare crediti a soli fini pubblicitari.

Facciamo attenzione, quello di cui è stata pubblicata l’evidenza sul sito FITARCO e che riportiamo per esteso sul sito regionale FITARCO Sicilia, è solo il primo passo concreto per raggiungere il quale si è lavorato tanto, accreditandoci presso il Comando Regione Sicilia dell’Esercito al quale vanno i miei più sinceri segni di riconoscenza nella persona del Generale Maurizio Angelo Scardino e con una particolare nota verso il Colonnello Giorgio Tamajo che è interfaccia preziosissima e determinata della nostra Federazione, la quale è stata sin dall’inizio parte attiva di questo progetto. Un grazie anche al Vice Presidente Fuchsova per sostegno fornito.

Il fatto più importante è che questo percorso traccia la strada per ulteriori ipotesi di collaborazione in tutta la nostra Regione ed anche in tutte le altre dell’Italia intera.

Il progetto prevede che si realizzi nel complesso anche una foresteria capace di accogliere atleti olimpici e paralimpici, fatto che quando realizzato consentirà sviluppi delle facilities quasi impensabili sino a pochi mesi fa.

Quanto riguarda il plant del Tenente Onorato, non è l’unico risultato che in questo periodo si è conseguito riguardo l’impiantistica: plauso deve andare alla convenzione stipulata tra il Comune di Milazzo e la P.A.M.A. per l’uso di un eccellente impianto indoor e uguale plauso a quanto nella città di Catania si sta realizzando nel sito prima occupato dal macello comunale per merito del Consigliere Balsamo e del Tecnico Regionale Maresca, menzione anche per l’ammodernamento dell’Impianto Sportivo Polivalente di Villafranca Tirrena (Me)  con l’annesso campo di tiro con l’arco in concessione all’ASD Arco Club Serro dal 2009,  che grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale, particolarmente attenta alle esigenze di accesso e uso dei servizi da parte degli atleti paralimpici,  a breve sarà pronto ad ospitare, con la sua dimensione di mt 130 X 80, gare di rilevanza anche nazionale e più di Campagna, Targa, e 3D.  

 

Concludo questo breve ma importantissimo aggiornamento, complimentandomi con il nostro Responsabile Zonale Giudici di Gara per il Suo inserimento nell’Albo Docenti Nazionale.

Manuela Cascio possiede virtù e difetti come tutti noi, di Lei personalmente apprezzo l’onestà intellettuale che mette a disposizione sempre, dimostrando una caparbia determinazione nel risolvere i problemi enormi che in questo periodo ha dovuto affrontare, Suoi e della Federazione nell’area di competenza.

 

 

                                               Con Sincera gratitudine per quello che state facendo

                                               tra mille difficoltà, il Vs, Presidente Regionale

 

                                                Renato Ippolito  


COMUNICATO STAMPA MINISTERO DELLA DIFESA, AGENZIA DEL DEMANIO, COMUNE DI PALERMO, UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PALERMO, CONI E CIP FIRMANO INTESA PER REALIZZARE UN IMPIANTO SPORTIVO POLIFUNZIONALE.

Roma, 2 dicembre 2020 – La nascita di un grande impianto sportivo polifunzionale a disposizione della collettività, che consentirà di razionalizzare e valorizzare gli immobili militari e riqualificare il tessuto urbano della città di Palermo, è alla base dell’intesa istituzionale firmata da Ministero della Difesa, Agenzia del Demanio, Comune di Palermo, Università degli Studi di Palermo, Comitato Olimpico Nazionale Italiano e Comitato Italiano Paralimpico. Si tratta di una collaborazione finalizzata a creare un punto di riferimento territoriale per iniziative di carattere sportivo, didattico, ricreativo e assistenziale rivolte sia al personale della Difesa sia ai cittadini, grazie alla virtuosa integrazione di strutture pubbliche con quelle di utilità sociale. Il progetto riguarda la riqualificazione dello Stadio Militare in via Giuseppe di Marco a Palermo, all’interno del Comprensorio Boccadifalco, che prenderà il nome di “Città Esercito – Ten. Onorato” e sarà finanziato dal Comune di Palermo con fondi extra comunali, statali o comunitari. L’area sarà utilizzata per realizzare un centro sportivo costituito da un campo da calcio regolamentare e un campo da calcio a cinque, una pista di atletica, quattro campi da tennis all’aperto, un campo sportivo polifunzionale in erba, un’area per attività equestre, una palestra coperta, un campo per tiro con l’arco, un campo da rugby, un percorso di jogging attrezzato, una striscia addestrativa, un’area parco con area ricreativa, una struttura sportiva coperta comprensiva di un campo multiruolo, una piscina olimpionica, spogliatoi, uffici per la gestione della struttura, laboratori per la riabilitazione fisica, un organismo di protezione sociale, una palazzina con stanze per il personale, un asilo con annesso parco giochi e un’area parcheggio. L’intesa è stata sottoscritta dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, dal Direttore dell’Agenzia del Demanio Antonio Agostini, dal Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dal Rettore dell’Università degli Studi di Palermo Fabrizio Micari, dal Presidente del CONI Giovanni Malagò e dal Presidente del CIP Luca Pancalli. L’obiettivo condiviso dai firmatari è quello di promuovere iniziative volte a potenziare l’attività sportiva e a diffonderne la cultura in aree urbane da riqualificare, attraverso un programma che preveda la costituzione di poli di aggregazione, mediante l’utilizzazione di infrastrutture sportive militari, esistenti o da realizzare, a favore di società riconosciute dal CONI e dal CIP e di associazioni ed enti impegnati nel recupero dei giovani in situazione di fragilità e disagio sociale. Agenzia del Demanio - Comunicazione via Barberini 38, 00187 Roma - Tel. 06 42367638 dg.relazionimedia@agenziademanio.it www.agenziademanio.it In base all’accordo, il Ministero della Difesa si impegnerà a migliorare la funzionalità delle strutture sportive per l’addestramento e per il benessere del proprio personale, e al contempo consentirà la fruibilità di alcune strutture anche alla cittadinanza locale. “Città Esercito – Ten. Onorato” costituirà un fondamentale polo di riferimento per tutti i Reparti presenti nella città e nella regione. L’Amministrazione Comunale istituirà una borsa di studio per studenti diversamente abili dell’Università di Palermo, per la fruizione dei servizi presenti nel progetto. L’Università, insieme al CONI e al CIP, metterà a disposizione personale tecnico per la progettazione di facilities sportive, alloggiative e ricreative, anche nell’ottica del loro utilizzo da parte di atleti paralimpici. Il CONI e il CIP verificheranno la disponibilità delle federazioni e associazioni sportive a gestire e manutenere gli impianti. L’Agenzia del Demanio assumerà l’onere di Stazione Appaltante per le fasi di progettazione, affidamento ed esecuzione lavori e designerà il Responsabile Unico del Procedimento. La riqualificazione dell’area “Città Esercito – Ten. Onorato” rappresenta un’occasione unica di sviluppo per il territorio, in grado di incrementare l’occupazione, favorire la socialità e determinare impatti positivi sull’economia, sull’ambiente e sulla cittadinanza locale.


Questo è normalmente uno dei momenti più significativi di ogni anno, che se ne voglia pesare il valore Religioso o che si tenga conto di quello vacanziero.

Pasqua è in ogni caso festa e la trascorreremo nel modo possibilmente sereno, aiutandoci col telefonino a rimarcare i nostri affetti più cari.

Non posso dimenticare coloro che vivono questo evento in maniera più pesante di quanto non ci si aspettasse. Chi piange i propri cari che non ha potuto salutare e chi spera di poterli rivedere.

Chi è costretto alla speranza di potere ritornare al lavoro senza averne la tranquillità.

Siamo accerchiati: da una parte la pandemia e dall’altra la profonda crisi economica che ne è risultata aggravata.

In questo scenario drammatico tutti ci auguriamo che passi al più presto. Anch’io spero che un vaccino diventi disponibile in un tempo relativamente breve e che, almeno, sia definito un protocollo terapeutico celermente.

Nel frattempo spenderemo le ns, giornate come ci sarà possibile.

Anche il mondo sportivo soffre le conseguenze di questa situazione e quasi tutti gli eventi sono già stati cancellati o semplicemente rimandati, ma di tutti non vi è certezza di come le rispettive stagioni agonistiche potranno chiudersi. Alcune Federazioni Italiane hanno già preso la decisione che il 2020 finisce adesso, altre stanno ancora decidendo.

La FITARCO monitora la situazione, anche se prevalente è la considerazione che la cautela debba essere massima. La stagione all’aperto è di fatto compromessa e quella indoor, anche se si potesse darne il via, dovrà subire ripensamenti sulle modalità.  Già è quasi pleonasticamente ufficiale che i Trofei Pinocchio e CONI, la Coppa delle Regioni insieme ai Campionati Italiani ancora virtualmente in calendario non saranno celebrati in quest’anno. Ne dobbiamo con coscienza prendere atto, anche se con rammarico.

Uno dei modelli che si sperimenteranno, per mantenere viva l’attenzione, riguarda tutto ciò che sarà possibile realizzare mediante strumenti tecnologici: seminari, allenamenti condivisi che potranno certamente riguardare le fasi del tiro e il gesto atletico, di certo mi appare strano pensare che a tre o cinque metri (secondo rispettive possibilità) si possano avere incertezze sull’esito del centro di un bersaglio anche se predisposto con mezzi di fortuna.

È probabile che nei prossimi giorni, sarà convocato un Consiglio Regionale usando una video conferenza, comunque sappiate che tra i Consiglieri continuano le telefonate e in una certa qual misura si dibattono argomenti, per adesso più figli della speranza che delle reali possibilità, ma siamo vivi, il movimento è vivo.

Molto probabilmente riusciremo ad organizzare anche una Assemblea delle Società, perché è bene non smarrire contatti e raccogliere tutte le opinioni.

Aspettiamo con estrema attenzione di vedere resi disponibili i contributi Regionali della stagione 2019. Io spero che a giorni sia possibile ricevere informazioni dal Gruppo 5 dell’Assessorato Regionale con il quale, quasi giornalmente, si tenta di entrare in contatto invano. Riguardo tale argomento devo ricordare che dovranno essere rese disponibili le pezze d’appoggio giustificative da parte delle A.S.D. che il Comitato Regionale ha l’obbligo di controllare, non vorrei essere nelle condizioni di non potere procedere alle erogazioni di competenza perché in difetto della possibilità di esercitare la verifica alla quale sono tenuto.

Visto che le risorse sono pochissime e gli oneri societari devono essere onorati, credo sia nell’interesse di tutti accelerare le procedure per la dipendente boccata di ossigeno.

Cercherò, cercheremo, di non lasciare nei guai nessuno. Non so come e a quali risorse potrò fare riferimento, ma Vi garantisco che cercherò in tutti i modi di essere presente e fattivamente corrispondente.

Intanto sappiate che si sta discutendo un provvedimento che vedrà congelate le quote associative del corrente anno per farle valere sugli adempimenti 2021. Sembra poco adesso per ciascuno dei tesserati, ma se fate due conti comprendete che stiamo parlando di una cifra di 600.000 euro che graveranno sulle risorse Federali. Congelati naturalmente anche i crediti per i Tecnici e in conseguenza della situazione anche i vincoli per l’affiliazione.

Non Vi torturo oltre, volevo solo fare gli auguri e non sono riuscito a frenare la mia prolissità.

                                               Un mondo di bene, AUGURI sentiti

                               Il Vs, Renato Ippolito

Presidente pro tempore della ns, meravigliosa FITARCO Sicilia

benvenuti su Fitarco Sicilia

TRAPANI 8-9/02/2020 

Campionato Regionale Indoor

 

 

Medagliere: 

 

 

 

 

Sabato 1 e domenica 2 febbraio a Palermo il primo appuntamento con il calendario federale 2020: i Campionati Italiani Para-Archery Indoor con tutti i migliori arcieri nazionali.



Campionati Italiani Indoor Para-Archery tornano al PalaOreto di Palermo. Dopo l’edizione del 2018, sarà di nuovo il capoluogo siciliano ad ospitare la più importante competizione paralimpica al chiuso del calendario nazionale. Sabato 1 e domenica 2 febbraio i migliori atleti del settore si sfideranno per il primo titolo italiano della stagione 2020. 

Parata di stelle quindi in arrivo, nell’arco olimpico scatta la caccia a Fabio Tomasulo (GSPD), campione nelle ultime due edizioni della competizione. Già iscritti anche il secondo e il terzo della passata edizione, Alessandro Erario (Arcieri Dello Jonio) e Giuseppe Verzini (Arcieri Cormòns), da segnalare anche la presenza di Giulio Genovese (Dyamond Archery Palermo), Stefano Travisani (Fiamme Azzurre) e Roberto Airoldi ((Arcieri Cameri), tutti nel giro della Nazionale. A Palermo arriveranno anche tutte le azzurre con Elisabetta Mijno (Fiamme Azzurre), campionessa in carica, pronta a resistere agli assalti di Vincenza Petrilli (Aida Sezione Tiro Con L'arco) che l’anno scorso si arrese solo in finale. Pronte alla sfida anche Veronica Floreno (Dyamond Archery Palermo) e Kimberly Scuderia (Arco Club Gela).

Nel compound non possono mancare Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre), supercampione e detentore del titolo, Giampaolo Cancelli (Arcieri D.L.F. Voghera), secondo l’anno scorso e poi i due finalisti per il bronzo del 2019 Paolo De Venuto (Frecce Azzurre) e Matteo Bonacina (Arcieri delle Alpi). Nel femminile sarà sfida tutta azzurra con la vincitrice del 2019 Maria Andrea Virgilio (Dyamond Archery Palermo) che con ogni probabilità dovrà sfidare nei momenti decisivi del campionato le compagne di squadra in Nazionale Eleonora Sarti (Fiamme Azzurre) e Giulia Pesci (Arcieri Ardivestra).

Anche nel W1 ci sarà tutto il meglio del panorama nazionale con il campione italiano 2018 e 2019 Salvatore Demetrico (Dyamond Archery Palermo) che proverà a calare il tris, ad insidiarlo i compagni di Nazionale Fabio Luca Azzolini (Arcieri Montale), Daniele Cassiani (Arcieri della Signoria) e Gabriele Ferrandi (Arcieri Ardivestra). Nel femminile ci sarà Asia Pellizzari (Arcieri del Castello). 
Tra i Visually Impaired difenderà il titolo dello scorso anno tra i V.I. 2/3  Daniele Piran (Arco Club Bolzano Vicentino), mentre non potrà essere presente l'azzurro campione uscente Matteo Panariello (Arcieri Livornesi). 


23.12.2109 - /27/12/2019 

 Giorni di intenso lavoro per i giovani arcieri siciliani della provincia di Messina, Palermo e Trapani.

Si sono ritrovati alle 9 del mattino presso le palestre di Villafranca Tirrena e di Trapani  per i due raduni  giovanili tenuti dal tecnico regionale Willy Fuchsova già tecnico della nazionale italiana paralimpica.

I giovani provenienti da Villafranca, Milazzo, Torrenova, Palermo e Trapani  hanno lavorato nelle rispettive due palestre provando nuove tecniche di riscaldamento, hanno tirato in privazione di equilibrio ed hanno sperimentato l'uso di nuove attrezzature.

Prima giornata di un percorso che porterà i giovani talenti siciliani  a crescere e migliorare in vista degli appuntamenti nazionali del 2020.

 



10.08.2019 - Si è svolta oggi a Palermo, alla presenza del Commissario Straordinario Sergio  D'Antoni, del Presidente Federale Mario Scarzella e del Segretario Generale Fitarco Marcello Tolu l'assemblea elettiva straordinaria del Comitato Regionale Sicilia.
Ecco la composizione del nuovo Consiglio:
Presidente: Renato Ippolito.
Consiglieri: Sebastiano Balsamo, Mario Brunamonti, Gianluca Stefanelli.
Rappresentante atleti: Nunzio Pagano.
Rappresentante tecnici: Willi Fuchsova. 


Sicilia: corso per giudici di gara con focus sul para-archery

17/11/2019

Tipo: Territorio Disciplina: Para Archery

 

Si è svolto a Messina il corso per Giudici di Gara organizzato dal Comitato Regionale Sicilia con il responsabile zonale degli arbitri Manuela Cascio. I partecipanti hanno svolto anche un approfondimento sul para-archery con il CT Fuchsova



All'interno del programma di lezioni del corso per Giudici di Gara organizzato dal Comitato Regionale Sicilia insieme al Responsabile Zonale Manuela Cascio, sabato 16 novembre si è svolto a Messina, presso la Cittadella Universitaria e sede del Cus, un approfondimento sul Regolamento Para-Archery tenuto dal Commissario Tecnico della Nazionale Paralimpica, Willy Fuchsova.
Una interessantissima masterclass per gli aspiranti giudici di gara siciliani che hanno potuto confrontarsi con un esperto della materia e osservare e toccare con mano gli ausili utilizzati dagli atleti.